Lamenti dal Basement

Life is strange? #1

Life is strange

Quest’estate mi stavo beando sul divano davanti al televisore, erano le 22 circa e la PS3 aveva scaricato tutta quella miriade di DEMO che mi ero preposto di provare.

La scocca era bollente, qualche grado in più e potevo plasmarla con le mani come se fosse stata creta, la ventola quasi arrancava e il mio sottopalla era a temperature africane, ci era perfino cresciuto un baobab, If you know what I mean…

Non crediate che io usi il televisore per guardare il digitale terrestre o comunque qualsiasi trasmissione antennistica. Ci tengo a precisarlo, anche se per sbaglio ho scoperto un canale che trasmetteva filmoni anni 80/90, quelli proprio DA SBREGO, e quindi peccai e guardai.

Dicevo… ero lì che ammiravo la lista di titoli scaricati, pronti per l’installazione, e l’occhio mi cala su Life is strange, così preso dall’afa estiva supplicai la PS3 di resistere ancora un pochetto e lo installai.

Approfittando del condizionatore e della sua temperatura gentilmente offerta mi avviai verso questa nuova avventura… che durò poco essendo una DEMO.

Intrigante: la scoperta, la gioventù, questa grafica così briosa, il diariuccio…

Una folata di vento mi scompigliò i capelli, ma le finestre erano chiuse e il condizionatore al minimo, un afrore di adolescente frivola e laida mi investì in pieno…

Cos’erano queste sensazioni? Cosa aveva risvegliato in me Life is Strange?

Non restava che accedere a Steam per cercarlo nel suo catalogo e lì lo trovai…

The bus

Continua…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *