Assassin’s Creed 3: no mordente

AssassinsCreedIIGame 2013-02-09 00-14-43-22

Son indietro come il culo, ho cominciato da poco Assassin’s Creed 3. Ma quanti altri ne son venuti fuori? Tantini eh. Meno male che non ho continuato la saga perché già con il 3 (ma anche un pochetto col Revelations eh) il gioco ha perso gran mordente.

Aggiungiamo che la storia americana è la cosa più lercia e pallosa che io abbia mai seguito e che il gioco entusiasma quanto vedere un vecchio barbone in coma etilico per 24H con dello scotch che ti tiene aperte le palpebre.

Insomma è veramente fatto male e sceneggiato peggio, ogni missione a cui si partecipa è ridicola e guidata oltre il limite del sopportabile, un corridoio palloso e scriptato che ammazza ogni curiosità e voglia di esplorare.

Colgo l’occasione per I GIUDIZI!

Assassin’s Creed:

assassin's creed

Dopo la novità iniziale diventa un po’ palloso come 10 minuti di corsa che durano un’eternità. Missioni quasi tutte uguali, ma verso la fine si riprende con la trama che galoppa e dopo la fine avrei ucciso qualcuno per avere subito giocabile il secondo capitolo.

 

Assassin’s Creed 2:

Assassin's Creed 2la vendetta. Sì, in effetti sì. Il tema dell’inculata, della fuga, della vendetta, del mistero, delle varie scoperte, di zio Mario, delle varie location… sburro totale. Il TOP. Mi sa che lo reinstallo. Ecco, la sezione carnevalesca veneziana potevano risparmiarsela.

 

Assassin’s Creed: Brotherhood:

Assassin's creed: Brotherhood

Moar of the same. Bellino, Roma e via dicendo. Immancabile dopo il secondo capitolo. Si riesce ancora a stare dietro alla trama e ad apprezzarla. Tra questo e il secondo capitolo ormai conosco Firenze e Roma meglio degli abitanti. (Sì, è stato bello andare in queste città e ricordarsi di tutte le nozioni apprese… ooook).

 

Assassin’s Creed: Revelations:

Assassin's Creed: Revelations

Chi? Cosa? Dove? Ho dovuto pensarci un attimo. Capitolo costantinopoliano di AC, qui comincia ad essere veramente la solita minestra riscaldata, si sente l’allungo con l’acqua del fosso e un’intensa puzza si comincia a percepire. Però vabbè. Manco ricordo come finisce. Ah sì. Cazzo.

 

Assassin’s Creed 3:

Assassin's Creed 3

Un gioco con Barbie è più avvincente: dopo l’avvio e le prime ore di gioco un’intensa sensazione di intorpidimento delle sinapsi mi fa scordare tutte le mie generalità, tiro fuori il portafoglio per recuperare la carta d’identità e ricordare il mio nome, ma l’intorpidimento scende fino alla sacca scrotale gonfiando i coglioni. Orrido, brutto, malcagato, affrettato… Non c’è alcun pregio in questo gioco di merda, è circondato da così tanta pallosità e burocrazia interfacciosa (trading, menù vari…) che mi viene l’affanno al solo pensare di volerlo finire.

Ogni tanto, come da consuetudine, l’Animus mi mostra l’info storica sulla location/altra roba: leggere i fratelli Karamazov dopo 10 camomille all’estratto di valeriana è più appassionante. Mentre sui vecchi capitoli ho letto tutto il leggibile, qui mi verrebbe di prendere l’Animus e formattarlo, metterci Windows 98 (rigorosamente prima edizione) e pisciarci sopra.

 

Gli altri Assassin’s Creed:

vieni_avanti_cretino (2)

Non me ne può fregare una ricca sega. Forse mi gratta la curiosità quello ambientato in Francia… Uhm… Vale la pena rischiare di marmorizzarsi le gonadi?

 

3 pensieri su “Assassin’s Creed 3: no mordente

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *