Bloccare Adsense in alcuni post di WordPress

wordpress adsense bloccare annunci su post

Mi era utile ai fini sporchi di questo blog inserire le pubblicità (ho messo solo roba di videogames & computer, visto che è roba che mi interessa, son per le pubblicità utili) in tutti i post, ma escludendo alcune pagine/articoli, visto che Google non vuole annunci in pagine con chiappe e capezzolini nascosti. Come fare?

Continua a leggere

Cardboard e app varie: Sisters [Horror]

Sisters horror vr

Avete il vostro Cardboard e il vostro smartphone? Bene!

Un’interessante esperienza horror da fare, a luce spenta e con le cuffie inserite sul cellulare, per sfruttare Cardboard App & visore è questa:

https://play.google.com/store/apps/details?id=com.otherworld.Sisters

Ha messo un certo che a me che son abituato a tutti gli horror, significa che un visore 3D dà quella cosa in più (probabilmente grazie all’head-tracking), quel set di emozioni, che ormai qualsiasi persona normale non riesce più a “sentire” poiché assuefatta da cinema e videogiochi.

Da provare.

PS: molti giochi/app per Cardboard funzionano senza pulsante magnetico (ci voleva poi molto??) utilizzando il “long view” come input di OK.

Cardboard sul Motorola Moto G

Motorola Moto G e Google Cardboard (tarocco)

Il buon nuovo Motorola Moto G (2014) è considerato “partially compatible” con il visore VR Cardboard e con la sua applicazione Android omonima, Cardboard.

Perché? Semplice, ha il magnetometro dall’altra parte e quindi il “pulsantino magnetico” non è funzionante. Come risolvere il problema? Facile!

Continua a leggere

Google devi pagare per il Fappening!

the-fappening-2014-google-accusata-apple-ride

Il fappening colpisce ancora! Google è stata chiamata in tribunale a rispondere dei fatti del Fappening 2014 poiché, così dicono gli avvocatoni dei VIPs (anzi DELLE), Google non ha rimosso le immagini incriminate.

Rimuovere.  Porno.   Dall’internet.

HAHAHA.

Magari ci si aspettava una denuncia contro Apple per l’iCloud poco protetto… e invece:

http://rt.com/news/192588-nude-celebrities-sue-google/

https://celebrity.yahoo.com/news/google-threatened-100-million-lawsuit-over-hacked-celeb-124643418.html

“Google is the Internet and I don’t know what a web search engine is”

— Jennifer Lawrence, 2014*

e Tim Cook se la ride :v

*potrebbe essere falsa :°

 

Indirizzo visibile sul Google Play Store per…

… gli sviluppatori che pubblicano app a pagamento o con acquisti in-app.

Google Play Store: richiesta indirizzo agli sviluppatori

Forse una cosa un po’ pericolosa da esporre, Google ha già l’indirizzo dello sviluppatore in caso di problemi o per verifiche e comunque può tenerselo per se e non esporlo nei dettagli dell’APP nel Play Store.

Continua a leggere

Android L: diamoci un’occhiata veloce #1

Android L preview - beta

Poiché Google ha rilasciato la Preview di Android L (Laggypop? LemonLag?) perché non darci un’occhiata?
Vediamo un po’ questo Material design e tutte queste gran novità.
Essendo una preview, una beta dunque, puzzerà sicuramente di cane vecchio investito a bordo strada da un’auto che si interfaccia con uno smartphone che monta la preview di Android L mentre prende immagini per Google Street View.
Però se c’è qualcosa da dire verrà detta tipo “caccapupù” o anche  “precipitevolissimevolmente”.
Vediamo cosa ha copiato Google da Apple :troll: :v

Continua a leggere

Google si mette a vendere domini

Google Domains: domini per tutti

Per questo 2014 Google ha svelato una delle sue carte ovvero un servizio per la registrazione dei domini.

Pick a name

A domain name, your address on the Internet, says a lot about who you are and what you do. New domain endings like .guru and .photography can help you find a meaningful address that stands out on the web. Every domain includes easy forwarding, branded email (you@your_company.com), simple management tools and other helpful features.

Continua a leggere

Google come Apple? Sicurezza VS funzionalità (estensioni Chrome)

Estensioni Chrome disattivate

Come ben sappiamo Apple da millenni ha nel DNA che far fare le cose all’utente potrebbe portare il dispositivo/sistema al non funzionamento e ha sicuramente ragione perché spesso il problema è proprio l’utente, infatti PEBCAK non è stato coniato per niente…

Con OSX si riesce ancora a far qualcosa out of the box, ma non c’è bisogno di portare alcuna prova per affermare che iOS è un cazzo di sistema mobile castrato che forse manco ti permette di guardare mezzo pornetto in santa pace. Sì, farsi le seghe è funzionalità.

Ma invece Google? Strano, con Android si possono installare APK a manetta da fonti terze, quarte e pure quinte e a noi piace così… ma con Chrome? Vediamo…

Continua a leggere