Lamenti dal Basement

600€ al mese col mining a casa (1# parte)

Mining con il pc di casa per criptovalute

Qualche mese fa col timido autunno che spalancava i portoni al Generale Inverno son andato a trovare un mio conoscente imprenditore, che chiamerò Caio, nel suo ufficio. Il motivo è abbastanza ovvio “il pc è impallato, vieni a controllare quando vuoi cioè oggi? (aggratise)”. Lo sapete vero che il TRUE imprenditore è quello che risparmia anche l’aria che respira(no gli altri), però c’ha il SUV e la fabbrichéétta e quindi il PIL s’impenna e le fagiane si lanciano addosso (questa è un’altra storia, qui si parla di MINING di criptovalute, ma voglio raccontarla tutta).

Solito problema di “visitaggio di siti aumma aumma durante l’orario di lavoro”, un lavoretto facile per il Dottor Fulviuz, ma ciò che cambiò le sorti di quella giornata e il futuro seguente fù la telefonata che giunse poco dopo al cellulare di Caio.

Chiamate dall'estero per trading di criptovalute

“Eh cosa? No, no grazie no, sono a posto così”

Caio aveva appena ricevuto la classica telefonata di ragazza extra-europea che voleva fargli fare trading sicuro e soprattutto affidabile, ma ancora più soprattutto redditizio in criptovalute, bitcoin e via dicendo con commissioni del 99%. Caio era già a conoscenza di queste criptovalute, ma essendo stato impegnato in altro nel momento del boom non ci aveva fatto più caso del solito. Stavolta però qualcosa balzò nel suo cervello e dallo scintillio dei suoi occhi avevo capito che l’argomento era diventato attuale.

Inutile dire che abbiam passato due ore a parlare di criptovalute, perché sì, perché no, ormai coi bitcoin mah… son rimasto con l’accordo di dargli una mano a comprare qualche criptovaluta qui è là, nello specifico qualche bitcoin (0,000….1 BTC), qualche Etherum e Litecoin (sempre sotto l’unità ovviamente) così almeno da raggiungere due obiettivi:

1) fargli vedere lo schianto cioè il valore che si sarebbe abbassato fra qualche settimana, forse anche giorno, e lasciar così perdere l’argomento

2) evitare di fargli buttare troppi soldi poiché essendo io “quello tecnico che l’ha consigliato male” probabilmente avrei anche dovuto rimborsarlo

Passano alcuni giorni e ricevo alcuni messaggi su WhatsApp (sì, WA, ci piace crogiolarci nel sapere che Zuckbermbirghio conosce tutte le nostre più perverse tentazioni) ed è Caio che scrive con un entusiasmo quasi commovente. Tali messaggi son riassumibili in “VOGLIO MINIARE BITCOIN, MINARE CRIPTOVALUTE“.

NOT THIS SH*T AGAIN, FORSE NEL 2008

Caio è ossessionato dalle critpovalute e dal minare bitcoin ecc

In quei pochi giorni il buon Caio si era infognato su tutti i forum/siti/blog di criptovalute e affini e forse ci aveva capito il 30%, ma essendo IMPRENDITORE la voglia di rischiare aveva colmato il restante 70% o comunque dovevo colmarlo io per lui, per poi probabilmente affondare col mio Capitano (Caio in questo caso, non Salvini).

Son ritornato nel suo ufficio dopo due giorni e l’argomento era ancora uno dei suo preferiti, inutile mostrargli i vari strumenti di profitability che ci sono in giro (es. Ethereum Mining Calculator per gli Etherum) per fargli capire che il ritorno economico era basso (con macchine PRO) ed era invece perdita PURA con gli strumenti attuali, anche con la corrente elettrica gratis.

Caio disse “voglio provare” e io mestamente “ok“. In cosa ero andato a invischiarmi. Dovevo provargli che minare con i suoi pc d’ufficio era molto controproducente e quindi l’unica maniera era tirare fuori i vecchi programmi di mining, vedere se erano aggiornati, tirare qualche bestemmia perché alcuni vanno compilati, wallet, mutande di lana, piccozza e via così.

Minare bitcoin col pc di casa è come se io approcciassi ragazze in real-life: INCONCLUDENTE, PROFITABILITY NEGATIVA.

Quindi mi sposto sulle altre due monete a lui esposte: Etherum e Litecoin così per capire l’andazzo.

Ipotizzando un modesto hashrate coi Litecoin, un consumo di GPU forse sovrastimatissimo, il guadagno senza considerare la corrente elettrica è nullo e invece si va in perdita (modesta per carità) considerando l’elettricità.

Consumo in watt per il mining

Va però detto che le GPU dei PC dell’ufficio non vanno bene manco per renderizzare un foglio d’Excel.

Profitabililty del mining

Il discorso varia se si mina con la CPU: si conclude meno di prima. Vale anche qui il solito discorso che le CPU dei pc d’ufficio sono ancora più piatte dell’encefalogramma di un sasso di fiume.

Non siamo tanto distanti come valori nemmeno con gli Etherum. Per i Litecoin (algoritmo scrypt) bisognerebbe andare di macchine ASIC, ma costano e mangiano in kilowattora così tanto da staccarvi il contatore e quindi ottendendo X% e spendendo Y% che viaggiano quasi a pari passo come lucro siamo sempre alle miserie. Gli Etherum invece sono “resistant” agli ASIC e non ci si cava un soldo, bisogna rivolgersi altrove.

Nel frattempo ho passato il sito per fare i calcoli a Caio e lui fa i suoi calcoli mistici, entusiasta a bomba e via Whatsapp mi manda questa immagine:

Caio sbaglia clamorosamente qualcosa nei suoi calcoli che prevedono di fargli prendere 25K dollari al GIORNO. ERRATISSIMO.
NO NO NO CAIO, HAI SBAGLIATO QUALCOSA! 25K DOLLARI AL GIORNO TI SVEGLI DAL SOGNO TUTTO SUDATO!

Ma poiché son passati anni, non ricordo nulla, decido di testare sulla mia macchina più prestante, che non fa schifo, ma non è neanche il top dei PC attuali, anche se ovviamente mangia in testa al classico PC da ufficio, così da avere dati migliori e forse più affidabili.

Per fare questi test e avere i vari hashrate su cui basarmi con il sito esposto sopra (per calcolare il profitto) decido di usare quell’installazione di Ubuntu che ho su una macchina virtuale così da non infognare il PC, avere dei risultati quasi vicini alla realtà e mostrarvi che Ubuntu fa proprio schifo (interfaccia da babbuini, dumbed down che manco i finti portatili interattivi con i programmi educativi degli anni 90 con lcd da 3×5 cm ).

Cominciamo!

Ma lo facciamo nella prossima puntata, così spiego bene le ALTRE idee di Caio a riguardo e come è finito il tutto…

THE DOOMSDAY IS COMING! CARO CAIO FORSE DOVEVI MINARE 10 ANNI FA?

FOLLI IDEE CHE FORSE PORTANO A QUALCOSA

PS: I computer di Caio in ufficio son più o meno a questo livello.

1 commento su “600€ al mese col mining a casa (1# parte)”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *